#prayforprey

#prayforprey

Rubrica di sensibilizzazione contro la CACCIA ILLEGALE delle specie di UCCELLI, “predate” dall’uomo in modo incontrollato e indiscriminato.

Attraverso questa pagina verranno pubblicate e diffuse notizie, aggiornamenti e statistiche per quantificare l’entità del fenomeno del bracconaggio a livello nazionale.

Invitiamo naturalisti, appassionati e chiunque voglia contribuire, ad inviarci segnalazioni e link che possano essere utili per questi fini, e in particolare i Centri di Recupero Animali Selvatici su tutto il territorio italiano, che possono fornire dati diretti e preziosi riguardanti l’impatto del bracconaggio sull’avifauna. L’intento che è quello di elaborare un report finale che raccolga le informazioni acquisite e inoltrarlo ai soggetti interessati e preposti alla conservazione delle nostre popolazioni selvatiche di uccelli.

Il bracconaggio è una minaccia per la biodiversità e ostacolo per la conservazione di molte popolazioni di uccelli.

Perfino i predatori sono diventati prede: i rapaci costituiscono il gruppo di uccelli con la più elevata percentuale di specie colpite dalla caccia illegale in Europa.

Si tratta di un problema particolarmente esteso nel Mediterraneo, dove vengono uccisi illegalmente 25 milioni di uccelli ogni anno.

5,6 milioni di questi (il 23,7%) sono abbattuti in Italia, che acquisisce così il triste record di primo tra i paesi mediterranei dell’UE per numero di individui abbattuti annualmente.

Slider

Falco Pellegrino SPARATO e SOTTERRATO nel Parco regionale del Fiume Alcantara

20 Novembre 2017

Questo caso, particolarmente sconcertante ed emblematico della situazione generale, non è purtroppo il primo a cui ci capita di assistere direttamente.